il logo dell'Ordine degli Ingegneri della provincia di Cagliari

sede: via Tasso 25 - 09128 Cagliari
telefono: 070.499703 - 070.499075 • fax: 070.44370 • P.IVA 00458800927
contatti e-mail
orari per il pubblico: lunedì: 11-13; martedì: 9-13 e 16-20
mercoledì: 9-13; giovedì: 9-13 e 16-20; venerdì: 11-13
[ login ]

Urbanistica, un errore non coinvolgere le professioni

“La scelta della Giunta regionale di promuovere una radicale riforma della pianificazione paesaggistica in Sardegna senza una adeguata fase preliminare di ascolto e concertazione con i soggetti istituzionali è un grave passo falso”, a giudizio dell'Ordine degli Ingegneri della provincia di Cagliari. “Non garantendo ai soggetti istituzionali la possibilità di contribuire alla predisposizione degli atti di pianificazione, si violano i fondamentali principi di trasparenza dell'azione amministrativa e si rinuncia inspiegabilmente ad un confronto nel quale gli operatori del settore potrebbero portare un significativo contributo”.

Lo afferma in una nota stampa il presidente dell'Ordine, Gaetano Nastasi, rappresentando il “diffuso malessere tra gli oltre seimila operatori qualificati che ogni giorno - negli studi professionali, nei cantieri, negli uffici della Pubblica amministrazione, nelle scuole, negli stabilimenti - promuovono e verificano un uso del territorio e dell'ambiente rispettoso delle leggi e delle regole del vivere civile. Riteniamo per questo di avere il diritto e il dovere di intervenire nella discussione sulle scelte urbanistiche più generali”.

L'Ordine degli ingegneri di Cagliari rivolge quindi “un appello a tutte le Istituzioni della Sardegna, e in primo luogo al Consiglio regionale, affinché venga garantita - già nell'immediato - una fase di dialogo e confronto istituzionale sul tema della pianificazione paesaggistica ed urbanistica, in una logica di trasparenza e partecipazione nella definizione di scelte fondamentali per l'identità della nostra comunità ma che - al tempo stesso - ci legano a tutti i cittadini europei e alle future generazioni”.

“Occorre evitare”, sottolinea il presidente Nastasi, “che il dibattito sul futuro delle nostre città e del nostro territorio si riduca a mero motivo di contrapposizione tra schieramenti politici, come accaduto in passato. Dopo un quinquennio di silenzio ed inerzia sull'argomento, l'avvio del procedimento quando ormai è partita la campagna per le elezioni regionali impedirà che si raggiungano risultati concreti entro la fine della legislatura: non ci sono i tempi tecnici, tenuto conto dei complessi passaggi di obbligatoria concertazione con i diversi soggetti istituzionali. È concreto quindi il rischio di un ulteriore peggioramento della già critica situazione nella quale si trova il settore edilizio in Sardegna, con l’operatività degli uffici tecnici ridotta dall'obbligo di autorizzare esclusivamente interventi conformi sia alla normativa vigente che a quella in corso di approvazione”.

“Tutto ciò”, conclude il presidente dell'Ordine, “mentre gli operatori del settore - che nonostante tutto resta il primo comparto industriale dell'isola - si interrogano, e ci interrogano, sulla reale portata dell'iniziativa regionale”.

2013
il logo del CNI - Consiglio Nazionale Ingegneri
il logo del Centro Studi del CNI
il logo del 59° Congresso nazionale degli Ordini degli Ingegneri, a Caserta
logo Regione Sardegna - Prezzario Lavori pubblici