il logo dell'Ordine degli Ingegneri della provincia di Cagliari

sede: via Tasso 25 - 09128 Cagliari
telefono: 070.499703 - 070.499075 • fax: 070.44370 • P.IVA 00458800927
contatti e-mail
orari per il pubblico: lunedì: 11-13; martedì: 9-13 e 16-20
mercoledì: 9-13; giovedì: 9-13 e 16-20; venerdì: 11-13
[ login ]

Lavori stradali e ferroviari a Bosa: rilievi al bando

L'Ordine ha mosso alcuni rilievi al bando pubblicato dal Comune di Bosa per l'affidamento della progettazione esecutiva e l'esecuzione dei lavori di consolidamento dei versanti e messa in sicurezza dei tratti stradale e ferroviario tra Bosa Marina e Turas. Segnalata innanzi tutto la mancanza della procedura di calcolo per la determinazione del valore dell'incarico, prevista anche dall'art. 11 comma 18 della L.R. 5/2007.

Scrive l'Ordine: “Si evince che i criteri per la stima del compenso sono quelli stabiliti dal D.M. 143/2013 ma, in virtù del principio di trasparenza, si chiede di voler pubblicare insieme al bando e agli allegati il calcolo analitico dei compensi posti a base di gara, al fine di valutarne la congruità.” Questo perché le stazioni appaltanti “non possono limitarsi ad una generica e sintetica indicazione del corrispettivo, ma devono indicare con accuratezza ed analiticità i singoli elementi che compongono la prestazione ed il loro valore. L'importo a base di gara - le cui modalità di calcolo, con l'entrata in vigore del nuovo regolamento, dovranno essere espressamente indicate nel bando - dovrebbe trovare dimostrazione in un dettagliato computo delle attività che devono essere svolte e dei loro costi”, come riaffermato anche dall'Autorità di vigilanza.”

Quanto poi ai requisiti di idoneità professionale per l'ammissione, il bando ”chiede di dimostrare il requisito di cui all'art. 263 comma 1 lettera a) del D.P.R. 207/2010 relativo al fatturato globale degli ultimi 5 anni. Tale requisito è richiedibile solo con congrua motivazione ai sensi dell'art. 41, comma 2, del D.Lgs. n. 163 del 2006. In difetto di un'adeguata motivazione, tale limitazione si traduce infatti in un'indebita restrizione della libera concorrenza nonché in una violazione del principio del favor partecipationis. Sul punto, del resto, la giurisprudenza ha recentemente affermato che “La libera concorrenza e la parità di trattamento nelle gare comunitarie escludono che all'amministrazione sia data la facoltà di restringere la partecipazione con criteri limitativi della capacità tecnica”.”

il logo del CNI - Consiglio Nazionale Ingegneri
il logo del Centro Studi del CNI
il logo del 59° Congresso nazionale degli Ordini degli Ingegneri, a Caserta
logo Regione Sardegna - Prezzario Lavori pubblici