il logo dell'Ordine degli Ingegneri della provincia di Cagliari

sede: via Tasso 25 - 09128 Cagliari
telefono: 070.499703 - 070.499075 • fax: 070.44370 • P.IVA 00458800927
contatti e-mail
orari per il pubblico: lunedì: 11-13; martedì: 9-13 e 16-20
mercoledì: 9-13; giovedì: 9-13 e 16-20; venerdì: 11-13
[ login ]

Leggi Applicabili e per la Comunità - A "Radio X" il confronto sulla nuova Legge Casa

Il presidente dell'Ordine degli Ingegneri di Cagliari, Gaetano Nastasi, e Isabella Ligia, coordinatrice della commissione urbanistica e paesaggio dell’Ordine degli Ingegneri, hanno parlato ai microfoni di Radio X all'interno della trasmissione radiofonica dal titolo "Nuova Legge Casa, come funziona?". Di seguito una sintesi che ripropone i principali passaggi del confronto. Clicca qui per ascoltare la Puntata Integrale

 

 

LEGGI APPLICABILI 
E PER LA COMUNITÀ

Il governo del territorio passa attraverso un approccio di conoscenza e di partecipazione, valori che realizzano una relazione virtuosa fra comunità e amministrazione pubblica, in un’ottica di applicabilità delle norme e concrete ricadute sul territorio.

LEGGE 2009

E’ in questo quadro che va letto il dibattito sulla nuova legge del Piano Casa. Tecnicamente, “Norme per la semplificazione e il riordino di disposizioni in materia urbanistica ed edilizia per il miglioramento del patrimonio edilizio”. Un impianto di regole che, nella sua impostazione originaria, entra in vigore già nel 2009, ma che solo dopo quattro anni va concretamente a regime, determinando così i primi effetti diretti sulle dinamiche del territorio, sia in termini urbanistici che in termini economici.

LE CRITICITÀ

Un risultato, questo, derivato dalla somma di non poche criticità: di sicuro, la complessità della normativa, ma anche, e non da meno, l’evidente inadeguatezza di strumenti tecnici da parte delle pubbliche amministrazioni nel recepire lo spirito e i contenuti della legge stessa. Aspetti questi che evidenziano la necessità di una opportuna coesione metodologica a livello regionale, realizzando, ad esempio, una modulistica unificata o, ancora, un unico regolamento regionale.

SEMPLIFICAZIONE E UNITÀ

Tradotto, una semplificazione che faciliti un processo di avvicinamento fra i soggetti interpreti dell’iter produttivo: cittadini, imprese,  rete delle professioni e uffici pubblici. In questo senso, una buona legge offre risposte efficaci, ma nel contempo, necessita inevitabilmente di un’interpretazione consolidata. Ecco perché, la prospettiva di una leggeunica del governo del territorio è di sicuro un orizzonte risolutorio per agevolare un contesto di semplificazione.  

RILANCIO DELLE ECONOMIE

L’obiettivo da perseguire non è solo normativo, o di snellimento burocratico, bensì anche economico, incoraggiando una ripresa dei cantieri e del sistema impresa, soprattutto nel settore pubblico. I dati, al riguardo, non sono confortevoli: nei primi mesi del 2015 abbiamo assistito ad una riduzione del 24% delle opere pubbliche, con evidenti riflessi negativi anche per la rete dei professionisti, per la quale, i numeri sono poco clementi, con circa il 27% di professionisti che oggi vive sotto la soglia della povertà. Percentuali che fanno riflettere, e sulle quali occorre disegnare nuove strategie di intervento, considerato che nel Paese abbiamo un numero di professionisti fra i più alti d’Europa. 

ATTRARRE INVESTIMENTI

Ulteriore aspetto da considerare è il fronte degli investimenti, in particolar modo, la capacità di attrarre investitori  privati, ed esteri, rispetto ai quali occorre una pubblica amministrazione che crei le migliori condizioni per impiantare nuovi interessi, alleggerendo l’interpretazione delle leggi, e sdoganando un sistema ancora ingessato su eccessivi e radicali burocratismi.

LEGGI BUONE E APPLICABILI

Dunque, ancora una volta, l’approccio da favorire è: leggi buone, ma ancor più, applicabili. Leggi che possano essere utilizzabili da chi, poi, ne farà uso in termini professionali e in termini di comunità, gli stessi cittadini e le imprese. Un metodo questo, che possa accompagnare da qui a breve la scrittura e il confronto sulla prossima legge urbanistica.

2015
il logo del CNI - Consiglio Nazionale Ingegneri
il logo del Centro Studi del CNI
il logo del 59° Congresso nazionale degli Ordini degli Ingegneri, a Caserta
logo Regione Sardegna - Prezzario Lavori pubblici