il logo dell'Ordine degli Ingegneri della provincia di Cagliari

sede: via Tasso 25 - 09128 Cagliari
telefono: 070.499703 - 070.499075 • fax: 070.44370 • P.IVA 00458800927
contatti e-mail
orari per il pubblico: lunedì: 11-13; martedì: 9-13 e 16-20
mercoledì: 9-13; giovedì: 9-13 e 16-20; venerdì: 11-13
[ login ]

Documentazione - Deroghe antincendio

La legislazione che disciplina le procedure tecnico-amministrative per le autorizzazioni antincendi (rilascio del Certificato di prevenzione incendi - CPI - per le attività contenute nel D.M. 16 febbraio 1982) prevede che nel caso vi sia l’impossibilità di rispetto integrale delle specifiche “Regole tecniche” di Prevenzione Incendi si possa chiedere una deroga all'applicazione della normativa.

Le procedure per l'esame e l'esitazione delle domande di deroga all'osservanza della vigente normativa antincendio sono state modificate con l'art. 6 del D.P.R. del 12 gennaio 1998, n. 37. Non più il Comitato centrale tecnico-scientifico ma il direttore regionale dei Vigili del fuoco, del soccorso pubblico e della difesa civile si pronuncia sulle richieste di deroga, sentito il parere del Comitato Tecnico Regionale di prevenzione incendi.

All'interno del Comitato (CTR) una commissione istruisce le richieste di deroga, trasmesse dal Comando provinciale dei VVF competente con motivato parere. L'Ordine Ingegneri della provincia di Cagliari è rappresentato nel CTR e nella Commissione deroghe dall'ing. Guido Basciu, che negli anni ha esaminato ed istruito un rilevante numero di istanze di deroga.

Poiché tale attività costituisce, di fatto, una casistica di riferimento che può sicuramente essere molto utile nell’applicazione pratica della prevenzione incendi, l'ing. Basciu e l'ing. Angelo Porcu, dirigente Vigili del fuoco - in accordo con il direttore regionale dei Vigili del fuoco - hanno predisposto un archivio informatico per la consultazione delle richieste sinora esitate (rese anonime per garantire la riservatezza).

Questa importante base dati, a disposizione sia del CTR che di tutti gli interessati, realizza quindi un efficace strumento di riferimento per affrontare le richieste di deroga, anche ai fini della omogeneità e uniformità di trattazione.

Per una migliore comprensione dell'iter procedurale e degli atti relativi contenuti nel database, si riporta di seguito la procedura per le istanze di deroga alle norme (Regole tecniche) di prevenzione incendi.

Le domande di deroga sono regolate dall'art. 5 del D.M.I. 4 maggio 1998, che recita:

1. La domanda di deroga all'osservanza della vigente normativa antincendi, di cui all'articolo 6 del decreto del Presidente della Repubblica 12 gennaio 1998, n. 37, è redatta in triplice copia, di cui una in bollo e va indirizzata alla Direzione regionale dei vigili del fuoco, tramite il Comando provinciale dei vigili del fuoco competente per territorio. La domanda deve contenere:

  1. generalità e domicilio del richiedente o, nel caso di ente o società, del suo legale rappresentante;
  2. specificazione dell'attività principale e delle eventuali attività secondarie, elencate nell'allegato al decreto del Ministro dell'interno 16 febbraio 1982, e successive modifiche ed integrazioni, oggetto della domanda di deroga;
  3. disposizioni normative alle quali si chiede di derogare;
  4. specificazione delle caratteristiche dell'attività o dei vincoli esistenti che comportano l'impossibilità di ottemperare alle disposizioni di cui alla lettera c).

2. Alla domanda sono allegati:

  1. documentazione tecnica, in triplice copia, a firma di tecnico abilitato, contenente quanto previsto dall'allegato 1 al presente decreto ed integrata da una valutazione sul rischio aggiuntivo conseguente alla mancata osservanza delle disposizioni cui si intende derogare e dalle misure tecniche che si ritengono idonee a compensare il rischio aggiuntivo;
  2. attestato del versamento effettuato a mezzo di conto corrente postale a favore della Tesoreria provinciale dello Stato, ai sensi della legge 26 luglio 1965, n. 966.

Come evidenziato al comma 1 lettera d, è necessario che i motivi della richiesta di deroga siano oggettivi e vincolanti.

Una selezione di casi in deroga esaminati dalla Commissione ed esitati dal direttore regionale dei Vigili del fuoco è stata raggruppata per categorie:

il logo del CNI - Consiglio Nazionale Ingegneri
il logo del Centro Studi del CNI
il logo del 59° Congresso nazionale degli Ordini degli Ingegneri, a Caserta
logo Regione Sardegna - Prezzario Lavori pubblici