il logo dell'Ordine degli Ingegneri della provincia di Cagliari

sede: via Tasso 25 - 09128 Cagliari
telefono: 070.499703 - 070.499075 • fax: 070.44370 • P.IVA 00458800927
contatti e-mail
orari per il pubblico: lunedì: 11-13; martedì: 9-13 e 16-20
mercoledì: 9-13; giovedì: 9-13 e 16-20; venerdì: 11-13
[ login ]

Consiglio - seduta del 31 marzo 2011

Sono presenti il presidente Gianni Massa, il segretario Gianluca Cocco, il tesoriere Maria Laura Rutilio e i consiglieri Maurizio Boaretto (seduta in corso), Andrea Casciu, Alessandro Casu, Annamaria Deplano, Giuseppe Garau, Gabriella Lena, Gaetano Attilio Nastasi, Nicola Puddu, Pierfrancesco Testa, Sandra Tobia (seduta in corso), Salvatore Todde (lascia prima della fine). Assenti: Nicola Puddu, Annamaria Deplano, Sergio Lai.

Il presidente Massa comunica che il 7 aprile si terrà la riunione del Consiglio con un unico punto all'ordine del giorno: elezione dei componenti del CNI per il periodo 2011-2016. A seguito degli interventi congressuali, in assemblea dei presidenti, la Federazione ingegneri Sardegna e l'Ordine di Cagliari sono divenuti uno dei punti di riferimento di una serie di Ordini italiani per l'affermazione di una linea programmatica di rinnovamento della categoria.

In occasione dell'assemblea dei presidenti del 4 marzo 2011 il nostro intervento, anche a nome della Federazione ingegneri Sardegna, ha costituito la principale sintesi del pensiero condiviso. Questo percorso, che in sede regionale e nazionale è stato portato avanti dal presidente della Federazione Silvio Serpi, è stato analizzato il 23 marzo in sede di Federazione. È intervenuto anche Alessandro Biddau, segretario CNI il quale, valutando la situazione nazionale, ha condiviso pienamente la proposta dei presidenti degli Ordini provinciali della Sardegna di continuare ad essere uniti nel percorso di ricerca di una sintesi condivisa. La discussione ha convinto i presidenti degli Ordini provinciali - supportati dalle parole del segretario del CNI, che dichiara di non volersi ricandidare - che è opportuno che la Sardegna esprima una candidatura unitaria, e a chiedere la disponibilità di Gianni Massa quale candidato della Sardegna. All'unanimità, vista la disponibilità, la Federazione ingegneri Sardegna ha deliberato di sostenere unitariamente la candidatura di Gianni Massa e di continuare nel percorso intrapreso con gli Ordini che condividono le nostre idee programmatiche.

Iscrizioni. Viste le domande presentate ed esaminata la documentazione allegata, il Consiglio delibera l'iscrizione all'Albo A, con anzianità 31 marzo 2011, degli ingegneri Riccardo Angius, Gabriele Aramu, Paolo Bernardini (da Albo B), Manuela Cadeddu, Damiano Marco Corda, Maurizio Coren, Alessandro Cuboni, Francesca Demartis, Mauro Manca, Antonello Marini, Sergio Mereu, Alessandro Marrocu, Luca Murgia, Stefano Nucifora, Maria Carla Onida, Andrea Piras.

Vista la domanda ed esaminata la documentazione allegata, il Consiglio delibera l'iscrizione all'Albo B, con anzianità 31 marzo 2011, degli ingegneri iunior Sebastiano Ferrandu, Marco Spiga.

Trasferimento. Vista la richiesta del professionista ed esaminata la documentazione agli atti, il Consiglio delibera il trasferimento dell'ing. Francesco Angelo da quest'Ordine a quello di Sassari.

Cancellazioni. Viste le richieste ed esaminata la documentazione agli atti, il Consiglio delibera la cancellazione dall'Albo, per volontarie dimissioni, degli ingegneri Marco Mario Garau, Cristian Loddo, Dario Loddo, Anna Paola Onnis, Pierpaolo Pettorru.

Appresa la notizia ed esprimendo i sensi del più profondo cordoglio, il Consiglio delibera la cancellazione dall'Albo dell'ing. Giampaolo Mura (1327), deceduto il 19 gennaio 2011.

Parcelle. Il Consiglio ha valutato otto parcelle.

Segnalazioni. In riferimento alla richiesta del collega Andretta, il Consiglio delibera di inviare l'elenco richiesto, accompagnato dalla lettera prot. 24040. Il consigliere Nastasi è delegato ad approfondire l'argomento e a seguire il procedimento.

Commissioni. Il consigliere Giuseppe Garau illustra la proposta della Commissione Architettura sull'organizzazione di un incontro con l'arch. Alessandro Melis, ritenendo possa essere una occasione di scambio di esperienze e di formazione soprattutto per i giovani iscritti. L'incontro avrà un taglio pratico e operativo e verterà su interventi di qualità; Alessandro Melis parlerà di alcune esperienze professionali, sia progetti che realizzazioni, selezionate in accordo con la Commissione Architettura. Le date sono ancora da stabilire, ma il professionista ha dato disponibilità tra fine aprile e inizio maggio. Per la diffusione dell'evento si dovrebbe realizzare una locandina, con il supporto di Stefano Asili, da inserire nel sito dell'Ordine e da spedire per mail a tutti gli iscritti. Il Consiglio approva e decide il rimborso di eventuali spese vive; il consigliere referente sarà Giuseppe Garau. Il consigliere Garau illustra anche il lavoro già avviato per l'organizzazione del master post laurea.

Viene illustrata al Consiglio la proposta della Commissione Sistemi di Gestione in merito al programma per la certificazione dell'Ordine. Il Consiglio delibera di approvare le linee programmatiche e di continuare il percorso intrapreso. Si chiede alla commissione di presentare la proposta operativa per il primo step per il prosieguo dell'attività al fine di consentire al Consiglio di deliberare l'eventuale impegno di spesa e le relative modalità. Si chiede inoltre alla commissione una relazione di sintesi che meglio illustri le criticità rilevate nella fase di check-up.

Nello scorso Consiglio, la Commissione CTU ha proposto la bozza di regolamento per la conciliazione, inviata a tutti i consiglieri dal referente Pierfrancesco Testa. Nel prossimo Consiglio sarà discusso il regolamento; si chiede quindi ai consiglieri di far pervenire osservazioni sulla bozza proposta dalla commissione.

Corsi Sicurezza 2011. Il consigliere Gabriella Lena, responsabile dei corsi sulla sicurezza, illustra la proposta formativa per il 2011. Il Consiglio delibera di approvare le proposte sullo schema dell'attestato da rilasciare ai colleghi, sui criteri per l'applicazione di uno sconto del 15% sulla quota ai colleghi che abbiano seguito almeno quattro corsi organizzati di aggiornamento dall'Ordine e sull'attivazione di una convenzione con il parcheggio a pagamento di via Sant'Alenixedda. Il consigliere Rutilio propone che gli attestati, oltre che dal responsabile dei corsi, siano firmati anche dal presidente dell'Ordine. Il Consiglio delega il tesoriere Rutilio a verificare i costi e la fattibilità della proposta di attivare un conto corrente bancario/postale dedicato esclusivamente al flusso di cassa proveniente dall'attività formativa. Il Consiglio approva il calendario dei corsi e delibera di pubblicizzarlo sul sito e mediante mail a tutti gli iscritti.

Il consigliere Nastasi fa notare che il programma approvato definisce l'attività corsuale sino a tutto il mese di settembre, con la possibilità per ottobre, novembre e dicembre di prevedere eventuali repliche sulla base delle richieste dei colleghi e propone di rinnovare il contratto di consulenza scientifica con l'ing. Bruno Utzeri, includendo l'attività di coordinamento d'aula ed escludendo le attività di tutoraggio e segreteria organizzativa. Nastasi e il tesoriere Rutilio sono delegati a redigere la convenzione, nel rispetto del regolamento dei servizi del Consiglio dell'Ordine.

Si propone l'attivazione di un PIP, con profilo professionale di ingegnere, al fine di dare supporto al personale della segreteria nella organizzazione dell'attività formativa programmata. Il Consiglio approva e delibera di delegare ancora Nastasi e Rutilio per la selezione della figura professionale da reclutare attraverso il PIP e per seguire la procedura amministrativa.

Il consigliere Testa propone di estendere anche ai timbri la dicitura approvata per gli attestati dei corsi di formazione sulla sicurezza: ing. (nome e cognome) e ing. iunior (nome e cognome).

Corsi prevenzione incendi. Il gruppo di lavoro delegato nella seduta del 5 novembre 2010 per l'attivazione dei corsi prevenzione incendi (Testa, Rutilio e Lena) presenta al Consiglio una proposta elaborata in base alle esperienze delle precedenti edizioni. L'organizzazione didattica dovrebbe prevedere una struttura di questo tipo: Consiglio > direttore dei corsi > coordinatore > tutor > discenti. Il direttore del corso sarà un consigliere (nominato dal Consiglio) che avrà il compito di referente per il direttivo sull'impostazione, avviamento e andamento dell'attività formativa; il suo ruolo sarà quello di anello di congiunzione per la comunicazione diretta tra il Consiglio e il coordinatore del corso

Al direttore del corso si affiancherà la figura di un coordinatore (sempre individuato dal Consiglio) con il compito di impostare e seguire nella sua evoluzione l'attività didattica, sia dal punto di vista organizzativo che amministrativo. Tale ruolo prevederà in via preliminare: la predisposizione della documentazione necessaria all'avvio del procedimento autorizzativo del corso presso il Ministero dell'Interno; la predisposizione delle convenzioni con i docenti; la collaborazione con i Vigili del fuoco per tutte le attività necessarie alla predisposizione del programma del corso e del calendario delle lezioni, comprese le azioni necessarie per la gestione di eventuali docenti sostituti di quelli indicati nel calendario definito; la presa di contatti con i singoli docenti; la gestione del materiale didattico da fornire ai discenti. Tale figura si occuperà inoltre di proporre al Consiglio docenti esterni al Corpo dei Vigili del fuoco per lo svolgimento del numero di ore consentito

Una volta iniziato il corso, il coordinatore si occuperà dell'avviamento e monitoraggio dell'attività del tutor, nell'ambito del coordinamento d'aula, dell'organizzazione e del coordinamento delle azioni previse per l'esame finale, della predisposizione degli attestati e della rendicontazione a consuntivo del corso, nonché della documentazione necessaria alla Tesoreria per la liquidazione delle prestazioni ai singoli docenti.

Il coordinatore dovrà garantire la propria presenza in aula per un tempo non inferiore al 25% circa del monte ore complessivo del corso di formazione, al fine di verificare l'andamento del corso, raccogliere osservazioni dei discenti e presenziare al corretto svolgimento della sessione d'esame

Il congruo corrispettivo dovuto al coordinatore sarà pari ad un massimo di euro 3.000 per corso (al lordo di ritenuta d'acconto, contributi previdenziali e iva di legge). Tale importo sarà da considerarsi valido per i primi due corsi; dal terzo corso in poi, per via della modularità e ripetitività della specifica tipologia di incarico, il corrispettivo riconosciuto sarà pari ad un massimo di euro 2.500/corso (sempre lordi)

A supporto del coordinatore nell'attività di coordinamento sarà affiancato per ogni corso un tutor, i cui compiti sono nel mansionario allegato alla proposta. Si manterrà lo stesso criterio già adottato in precedenza per la scelta di tale figura: il tutor sarà il collega più giovane tra coloro che hanno manifestato l'interesse alla frequenza e come congruo compenso per l'attività prestata avrà diritto a frequentare il corso senza oneri economici a suo carico

Per maggiori dettagli è stata sottoposta al Consiglio una proiezione dei possibili costi relativi allo svolgimento dell'attività formativa, con ipotesi di costo del corso per singolo discente. Per via della specifica tipologia di attività didattica, che prevede anche momenti di autovalutazione e esercitazioni in aula, si è ritenuto di limitare il numero dei partecipanti a non più di 40 per corso. Il Consiglio approva la proposta e delega il gruppo a procedere, individuando uno o più coordinatori da proporre nella prossima seduta.

Il presidente comunica che il CNI (nota U-ND/1082/2011) ha convocato le parti in merito al reclamo promosso da un iscritto all'Albo B a proposito del risultato delle elezioni del 2009 per il rinnovo del Consiglio dell'Ordine e riferisce nel merito, spiegando inoltre di aver ritenuto opportuno chiedere un parere legale in vista del dibattimento. Il Consiglio approva e ratifica.

Convegni e seminari. Il Consiglio delibera di concedere il patrocinio per il convegno organizzato dalla Commissione ICT su “Il software libero per gli ingegneri”, che si svolgerà presso la Facoltà di Architettura il 15 aprile 2011. Il consigliere referente è Giuseppe Garau.

Patrocinio concesso anche per il convegno “Costruire edifici a energia quasi zero - Case passive, sostenibili, low cost, in classe A” organizzato da Agorà, Edilportale e Archiportale (referente Nastasi) e per il corso Rimar su fibre e impermeabilità (referenti Lai e Testa per la Commissione Strutture, competente in materia).

Non si approva il patrocinio per due incontro di formazione tecnica, perché a pagamento. Approvato invece il patrocinio per un seminario tecnico proposto da Sika Italia (referenti Lai e Testa).

Sono presentati in Consiglio i nuovi criteri di aggiornamento dei dati dell'Albo, proposti dall'ing. Roberto Coa (che gestisce il database albo) e da Massimo Mezzini (responsabile del sito internet).

Il Consiglio approva la partecipazione alle attività collaterali al Congresso nazionale di Bari. Saranno versate le quote di partecipazione previste.

il logo del CNI - Consiglio Nazionale Ingegneri
il logo del Centro Studi del CNI
il logo del 59° Congresso nazionale degli Ordini degli Ingegneri, a Caserta
logo Regione Sardegna - Prezzario Lavori pubblici