il logo dell'Ordine degli Ingegneri della provincia di Cagliari

sede: via Tasso 25 - 09128 Cagliari
telefono: 070.499703 - 070.499075 • fax: 070.44370 • P.IVA 00458800927
contatti e-mail
orari per il pubblico: lunedì: 11-13; martedì: 9-13 e 16-20
mercoledì: 9-13; giovedì: 9-13 e 16-20; venerdì: 11-13
[ login ]

Consiglio - seduta del 29 maggio 2012

Sono presenti il presidente Sergio Lai e i consiglieri Maurizio Boaretto, Andrea Casciu, Gianluca Cocco, Annamaria Deplano, Alessio Farci, Alessandro Lai, Gabriella Lena, Gaetano Attilio Nastasi, Nicola Puddu, Pierfrancesco Testa, Sandra Tobia, Salvatore Todde. Assenti giustificati: Rutilio, Testa, Casciu, Cocco.

Il presidente Lai riferisce sull’assemblea sulla riforma delle professioni che si è svolta il 23 maggio a Santa Cristina di Paulilatino, organizzata dalla Federazione degli Ordini degli Ingegneri della Sardegna. La partecipazione è stata significativa, tenuto conto delle distanze dai luoghi di residenza. Con l’ing. Serpi, presidente della Federazione, erano presenti tutti i presidenti degli Ordini, vari consiglieri e diversi colleghi. Ha partecipato anche il consigliere nazionale Gianni Massa, mentre purtroppo il presidente Zambrano è stato bloccato a Bologna per le questioni relative al terremoto. L’Ordine di Cagliari è stato ben rappresentato, con 7 consiglieri e diversi colleghi espressione delle Commissioni (Giovani, Lavori pubblici, Energia e Impianti, Strutture): forse il gruppo di partecipanti più numeroso.

È stata presentata la proposta preparata dalla commissione ristretta della Federazione. L’assemblea è stata un’importante occasione di confronto, in cui sono emerse posizioni non sempre condivise all’unanimità, e ha contribuito al dibattito in corso a livello nazionale tra tutte le professioni. Erano presenti il presidente degli Architetti di Oristano e diversi rappresentanti di altre professioni regolamentate.

Il 24 maggio il presidente ha partecipato a un altro incontro presso il Collegio degli imprenditori edili della Sardegna, assieme ai presidenti di altri Ordini e Collegi. L’argomento in discussione era la SUAP che sta incontrando numerose difficoltà applicative a vari livelli (irricevibilità dopo 45 o 60 giorni, ecc). Insieme con l’ANCE si è deciso di rimodulare il documento in discussione al fine di ridiscuterlo e verificare la strada da percorrere: modifica legislativa regionale, oppure proposta di emendamento, oppure ancora una protesta scritta indirizzata al presidente della Regione Sardegna, all’assessore all’Industria e ai responsabili dei vari SUAP.

Il presidente riferisce che la Banca di Credito Sardo ha segnalato l’imminente scadenza dei fondi di liquidità intestati all’Ordine: in assenza di diverse disposizioni, scatterebbe il rinnovo automatico dell’investimento per tre anni, con titoli scelti a discrezione della banca, fermo restando il livello di rischio (basso). Il Consiglio delibera di disinvestire i fondi di liquidità in attesa di definire le modalità di eventuali nuovi investimenti.

Iscrizioni. Viste le domande presentate ed esaminata la documentazione allegata, il Consiglio delibera l’iscrizione all’Albo A, con anzianità 29 maggio 2012, degli ingegneri Francesca Argiolas, Melania Aru, Giorgio Giuseppe Galante, Mauro Murru, Francesca Setzu, Mario Uccheddu.

Vista la domanda presentata ed esaminata la documentazione allegata, il Consiglio delibera l’iscrizione all’Albo B, con anzianità 29 maggio 2012, dell’ingegnere iunior Francesca Perra.

Trasferimenti. Vista la richiesta delle professioniste ed esaminata la documentazione agli atti, il Consiglio delibera il trasferimento dell’ing. Silvia Masala (n. 5228) all’Ordine di Milano e dell’ing. Ornella Mulas (7091) all’Ordine di Nuoro.

Cancellazioni. Appresa la notizia ed esprimendo i sensi del più profondo cordoglio, il Consiglio delibera la cancellazione dall’Albo dell’ing. Mario Lasic.

Viste le richieste ed esaminata la documentazione agli atti, il Consiglio delibera la cancellazione dall’Albo, per volontarie dimissioni, degli ingegneri Gianluca Murgia (n. 4726) e Mario Alberto Ranciaro (n. 1355, cancellazione dal 26 giugno 2012).

Terne e segnalazioni. Vista la richieste di due terne di professionisti da parte della ditta Casula Pietro di Uta, e considerato che è entrato in vigore il nuovo elenco segnalazioni, si procede al sorteggio della lettera iniziale del cognome dalla quale partire: viene estratta la lettera A. Il Consiglio delibera quindi di segnalare le seguenti terne di professionisti: 1) Efisio Angius, Roberto Angius, Carlo Argiolas; 2) Marco Addis, Donato Giovanni Allegrini, Amsicora Anedda.

Esaminata la richiesta del Comune di Escalaplano (prot. 353), si delibera di segnalare i professionisti con 10 anni di iscrizione all’Albo che si sono dichiarati esperti in impianti elettrici ed elettronici.

Commissioni. La prossima settimana, la Commissione Sistemi di Gestione continuerà la trascrizione per il miglioramento della procedura.

La Commissione Formazione e Aggiornamento è impegnata a definire i corsi di Alta Formazione. In seguito alle dimissioni di Alessandro Lai, viene nominato come nuovo coordinatore Marco Isola; per il 22 giugno è in programma una riunione con i nuovi iscritti.

La Commissione Strutture sta programmando altri corsi su cemento armato e acciaio; le date verranno comunicate non appena possibile.

Segreteria. Il Consiglio delibera di dare mandato al consulente dott. Tola affinché avvii le selezioni per l’assunzione di un impiegato di segreteria, che dovrà ricoprire uno dei posti liberi in pianta organica.

Il presidente Sergio Lai illustra le finalità della Consulta provinciale antincendio, che dovrà occuparsi delle tematiche relative agli aspetti applicativi delle normative, oltre a trattare i quesiti formulati dai vari iscritti agli Ordini e Collegi, in modo da stabilire regole condivise con i Vigili del fuoco. La Consulta potrebbe essere un potente strumento partecipativo e il nostro Ordine - promotore dell’iniziativa assieme al Collegio dei Periti industriali - dovrebbe aderire formalmente, come già avvenuto in altri ambiti provinciali. Il Consiglio delibera di aderire alla Consulta; i rappresentanti saranno nominati successivamente, una volta definita la composizione del nuovo organismo.

Il presidente Lai illustra la necessità di aderire alla Consulta regionale delle Professioni tecniche, considerato che altri Ordini e Collegi sono già presenti. Propone inoltre di costituire una Consulta a livello provinciale, per meglio trattare questioni a carattere locale: su questa proposta ha già raccolto pareri positivi dai presidenti di altri Ordini e Collegi. Il Consiglio approva la partecipazione dell’Ordine alla Consulta regionale delle Professioni tecniche e il sostegno alla costituzione della Consulta provinciale.

Recupero quote. Il Consiglio delibera l’avvio dei procedimenti disciplinari nei confronti degli iscritti morosi da diversi anni che hanno ignorato il sollecito di pagamento. Si proseguirà nella ricerca degli attuali indirizzi degli iscritti che non hanno aggiornato i dati sull’albo. Si conferma che le quote dovute dagli iscritti che - dopo i solleciti - hanno comunicato la volontà di essere cancellati saranno dovute fino alla data della richiesta di cancellazione.

Il Consiglio esprime parere favorevole sull’adesione al convegno “Progetto e Sviluppo”, proposto dalla Federazione regionale Ingegneri e dall’Università di Cagliari, e propone la ripartizione dei costi organizzativi in proporzione al numero di rappresentanti che fanno attualmente parte della Federazione.

Il Consiglio valuta il programma del corso di aggiornamento professionale in Acustica applicata, approva l’iniziativa e propone che venga fatto ogni tentativo perché sia ridotto l’obbligo di durata, fissato in 2 anni.

Convegni e seminari. Il Consiglio concedere il patrocinio al convegno “Lavoro: la conoscenza e il coraggio di cambiare”, organizzato dal Lions Club International, che si terrà l’8 giugno a Cagliari.

 

il logo del CNI - Consiglio Nazionale Ingegneri
il logo del Centro Studi del CNI
il logo del 59° Congresso nazionale degli Ordini degli Ingegneri, a Caserta
logo Regione Sardegna - Prezzario Lavori pubblici