il logo dell'Ordine degli Ingegneri della provincia di Cagliari

sede: via Tasso 25 - 09128 Cagliari
telefono: 070.499703 - 070.499075 • fax: 070.44370 • P.IVA 00458800927
contatti e-mail
orari per il pubblico: lunedì: 11-13; martedì: 9-13 e 16-20
mercoledì: 9-13; giovedì: 9-13 e 16-20; venerdì: 11-13
[ login ]

Consiglio - seduta del 23 ottobre 2013

Sono presenti i consiglieri neo-eletti Gian Michele Camoglio, Gianluca Cocco, Luigi Fantola, Marianna Fiori, Valeria Fois, Giuseppe Garau, Sergio Lai, Valentina Locci, Angelo Loggia, Gaetano Attilio Nastasi, Fabrizio Porcedda, Denise Puddu, Giuseppina Vacca, Stefano Zuddas e Fabio Zuddas. Presiede la seduta il consigliere più anziano, Gian Michele Camoglio; verbalizza il consigliere più giovane, Stefano Zuddas.

Dopo aver augurato a tutti un buon lavoro per il quadriennio 2013-2017, il consigliere Camoglio sottolinea che “il voto ottenuto da quest'ultima tornata elettorale è un voto che ha portato molti giovani e che punta a un cambiamento. Un voto in cui si evince che i giovani hanno voglia di cimentarsi in questa importante attività. Adesso c'è da sperare che anche noi, che eleggiamo le persone che devono guidare questo gruppo, continuiamo a lavorar in tal senso, rendendo i giovani protagonisti e non spettatori, cerchiamo di sfruttare questa disponibilità e questo entusiasmo che proprio i giovani danno, mentre noi senior alle volte - presi dal troppo lavoro e dal troppo carico di responsabilità - facciamo mancare.”

Prende la parola il presidente uscente, Sergio Lai, che dà il benvenuto a tutti i nuovi consiglieri e ai consiglieri confermati e augura buon lavoro a tutti.

Passando al primo punto all'ordine (elezione del presidente), interviene il consigliere Gian Luca Cocco. “Con l'accordo dei consiglieri seduti attorno al tavolo – escluso il consigliere Lai, non facente parte dell'avventura creata e vissuta con il gruppo iCagliari2020 – sento la responsabilità di proporre il consigliere Nastasi come presidente, per una serie di motivi. Il consigliere Nastasi vanta oramai un'esperienza di 8 anni come consigliere dell'Ordine di Cagliari. La sua è stata una crescita forte sotto il profilo dell'impegno, della professionalità, ha contribuito in maniera sostanziale alla costruzione di iCagliari2020, alla redazione del programma, alla sua realizzazione con la nostra elezione a consiglieri dell'Ordine.”

Prende parola il consigliere Nastasi. “Riconosco che intorno a questa esperienza che io ho vissuto, in otto anni si è formato un gruppo che ha condiviso con me l'esigenza di avere un ruolo attivo e la voglia di incidere sulle sorti della nostra categoria, di cercare con il proprio impegno di portare avanti un progetto. Progetto cui siamo riusciti a dare forma, grazie anche a tutti gli ingegneri che hanno collaborato e costruito il percorso manifestando forte interesse ai temi proposti, dando così un segnale molto forte durante le votazioni, in cui si è raddoppiato il numero dei votanti, arrivando a circa 2350 iscritti.

Fatta questa premessa, consapevole dell'importanza e della rilevanza dell'impegno che tutti noi insieme andiamo a prendere, confortato dal fatto che vedo tantissima voglia di lavorare, accetto e sono orgoglioso di poter guidare questa squadra. Vi ringrazio per la fiducia attribuitami, ringrazio anche il presidente uscente per tutto il lavoro svolto nei suoi due anni di legislatura, anche se molto spesso non abbiamo condiviso la visione. Credo che chi ci ha preceduto abbia agito nell'interesse della categoria con spirito costruttivo, così come con lo stesso spirito noi lavoreremo nei prossimi quattro anni.”

Il presidente uscente Sergio Lai annuncia che non parteciperà al voto: “Mi asterrò per un semplice motivo: non ho fatto parte delle dinamiche che hanno condiviso una scelta. Ciò non vuol dire che non condivida i nomi che verranno designati e che accetteranno le varie cariche.”

Al termine della procedura di voto, Nastasi ottiene 13 voti, con due astensioni. Gaetano Attilio Nastasi è eletto presidente dell'Ordine degli ingegneri di Cagliari per il quadriennio 2013-2017.

Dopo i ringraziamenti, il presidente Nastasi ricorda che l'elezione dei vicepresidenti – secondo punto all'ordine del giorno – avviene in un unico scrutinio.

Interviene il consigliere Lai: “Normalmente quando c'è un gruppo di maggioranza e un gruppo di opposizione all'interno del Consiglio, la vicepresidenza è lasciata a un rappresentante della minoranza. Evidentemente questa è una situazione particolare, con 14 consiglieri di un gruppo e un consigliere di un altro gruppo. Chiaramente non sta a me accampare richieste, mi rimetto alla decisione dei colleghi che sapranno valutare bene cosa fare e cosa non fare. È una semplice cornice che generalmente, anzi sempre, viene rispettata, però qui abbiamo effettivamente una situazione particolare.”

Il consigliere Camoglio propone di “eliminare dal nostro vocabolario le parole maggioranza e opposizione. Una volta che ci ritroviamo seduti attorno a questo tavolo, siamo tutti parte integrante di questo progetto, tutti quanti abbiamo una testa e tutti daranno il massimo per il bene della categoria. Facciamo parte tutti della stessa squadra.”

Il presidente Nastasi dice: “Vorrei che ci fossero delle persone all'interno del gruppo dei consiglieri che potessero prendere la responsabilità di condividere con me l'ufficio di presidenza, e cito due nomi: Gianluca Cocco, a cui noi riconosciamo spessore morale, doti di leadership, a cui chiediamo di partecipare alla guida di questa squadra, e Denise Puddu, che si è conquistata la nostra fiducia anche in un tempo relativamente breve, che rappresenta i territori a cui noi vogliamo dare tanta importanza, periferici rispetto a Cagliari e quasi sempre trascurati, che ha una esperienza trasversale tra mondo dell'impresa, libera professione e pubblica amministrazione. Credo che siano figure significative e importanti per questo percorso che ci accingiamo a intraprendere. Chiedo a tutti di esprimersi manifestando le proprie preferenze per questi due colleghi.”

Si procede con la votazione a scrutinio segreto e questo è il risultato: 9 voti a Puddu, 4 voti a Cocco, 2 astenuti. I consiglieri Denise Puddu e Gianluca Cocco sono eletti vicepresidenti dell'Ordine degli ingegneri di Cagliari per il quadriennio 2013-2017.

Il presidente Nastasi chiede se ci siano proposte o candidature per la figura del segretario. Secondo il consigliere Loggia, “sarebbe opportuna la candidatura di uno dei giovani consiglieri. Vedrei bene in questo caso la candidatura del consigliere Valentina Locci, sempre che lei sia dell'avviso di prendersi questo impegno abbastanza grosso.” Il consigliere Locci accetta la richiesta del consigliere Loggia, sostenuta da altri consiglieri. La votazione ha questi risultati: 13 voti per Valentina Locci, 2 astenuti. Il consigliere Valentina Locci è eletta segretario dell'Ordine degli ingegneri di Cagliari per il quadriennio 2013-2017.

Si procede con il quarto punto all'ordine del giorno, l'elezione del tesoriere. Il consigliere Giuseppe Garau propone, “per le competenze e l'esperienza in materia, Luigi Fantola. Se lui dovesse accettare, sarebbe un'ottima candidatura.” Il consigliere Fantola accetta la proposta del consigliere Garau, sostenuta anche da altri consiglieri. A conclusione delle operazioni di voto, si contano 13 voti per Luigi Fantola, due astensioni. Il consigliere Luigi Fantola è eletto tesoriere dell'Ordine degli ingegneri di Cagliari per il quadriennio 2013-2017.

Il presidente Nastasi comunica che la nomina del vicepresidente vicario sarà all'ordine del giorno nel prossimo Consiglio.

Il vicepresidente Denise Puddu prende la parola in chiusura di seduta per “ringraziare tutti quanti per la grande fiducia che mi avete accordato e per la grande opportunità che state dando a me e ai territori che rappresento. Io rappresento il Medio Campidano ma mi faccio portavoce anche del Sulcis, nonché del Sarrabus e di tutte le aree più o meno periferiche. Sicuramente ci sarà molto da fare. Come abbiamo scritto nel programma, vogliamo dare attenzione ai territori periferici, in modo che i servizi dell'Ordine siano più vicini ed erogati in maniera capillare. Quindi non posso che ringraziare per avermi dato una carica così importante, perché questo mi servirà anche per essere un punto di riferimento per tutti quei colleghi che sono venuti a votarci e che hanno bisogno di risposte che spero in questi quattro anni saremo in grado di dare.”

il logo del CNI - Consiglio Nazionale Ingegneri
il logo del Centro Studi del CNI
il logo del 59° Congresso nazionale degli Ordini degli Ingegneri, a Caserta
logo Regione Sardegna - Prezzario Lavori pubblici